Discorso per il 55° anno della Fondazione

Discorso per il 55° anno della Fondazione

Lorem ipsum dolor sit amet, Carissimi Avisini, con grande soddisfazione mia,  del Consiglio che presiedo e dei nostri collaboratori, siamo qui oggi a festeggiare nuovamente la nostra Associazione.1960 – 2015, 55 anni nel segno della generosità e solidarietà verso gli altri.

Quel gesto di  altruismo che si concretizza nella trasfusione di sangue che diventa tanto prezioso quanto insostituibile per la vita di ogni essere umano.

Noi Avisini che vediamo da sempre questa forma di volontariato come mezzo per miglioraci, divenendo partecipi e responsabili civili e morali nella nostra società, dobbiamo essere testimoni e promotori di uno stile di vita sano  per cui lo stare bene aiuta a fare del bene a chi ne necessita.

Oggi i Media ci propongono immagini forti, crude, di persone private di tutto, con un doloroso passato, che rischiano la vita mettendosi in viaggio alla ricerca di un futuro.  Noi, volontari e Avisini, con i nostri gesti semplici, con il nostro aiuto sottoforma di dono del sangue come atto di grande generosità, vogliamo mettere la Vita al primo posto in assoluto, venendo in soccorso sia ai tanti malati bisognosi di sangue, affetti da particolari malattie o a causa di traumi o interventi chirurgici, sia alle nuove emergenze umanitarie di gente disperata, fuggita da guerre e persecuzioni e che giunge nel nostro Paese stremata da fatiche e privazioni.

Prendo spunto da fonti più autorevoli per dire che l’Avis di Lumezzane, tramite il sottoscritto ed i suoi consiglieri, cercherà di essere il più vicino possibile ai propri donatori/Avisini facendoli sentire parte integrante dell’Associazione stessa, ponendo come priorità la centralità dell’uomo nel più alto significato del donare senza chiedere nulla in cambio.

Non mi resta che porgere a nome del Consiglio Avis di Lumezzane un grazie di cuore a tutti i nostri Avisini per il sostegno concreto di ieri, oggi e domani.

Concludo questo mio intervento ringraziando le Autorità, le Avis consorelle presenti, il mio Consiglio e i collaboratori sempre presenti, per essere oggi qui alla nostra festa.

Un grazie sincero a tutti.

Il Presidente
Diego Mauro Danesi